L’arte del futuro: Digital Life 2014 a Romaeuropa Festival

L’arte del futuro: Digital Life 2014 a Romaeuropa Festival

La mostra alla Pelanda, promossa dalla Fondazione Romaeuropa, è alla sua quinta edizione e si estende, quest’anno, anche al territorio di Latina.

Varcare la soglia di un ex mattatoio per andare a vedere una mostra di arte contemporanea dà la sensazione di percorrere un sentiero che conduce al futuro. Ma pizzicare le corde di luce di un’arpa ci fa sentire dentro il futuro. La tecnologia più sofisticata, fredda e distante, entra in rapporto, in questa mostra con i nostri sensi, abbattendo il confine tra umano e hardware, tra funzione e creatività.

Heewon Lee
Heewon Lee

Un’autentica ibridazione tra arte, cultura e know-how. I fruitori non sono più spettatori ma parte integrante di opere sperimentali con cui, ludicamente, interagiscono, un dialogo tra intelligenza artificiale e umana. Un rapporto che anima uno spazio sonoro, in dieci opere, abitato da fantasiosi strumenti musicali che, grazie all’azione dello spettatore-musicista, diventano spazio onirico. La mostra alla Pelanda (Centro di Produzione Culturale) è alla sua quinta edizione e si estende, quest’anno, anche al territorio di Latina (Palazzo M dal 16 ottobre al 1 novembre).

Cycloïd-E di André & Michel Décosterd (Svezia)

Cycloïd-E di André & Michel Décosterd (Svezia) – il primo musicista/compositore e il secondo artista/architetto – è un pendolo formato da tubi metallici con speaker che disegna nell’aria traiettorie armoniche e usa un linguaggio sonoro e cinetico. L’Arpa di luce, di Pietro Pirelli e Gianpietro Grossi, è formata da undici raggi laser verdi in uno spazio che è cassa di risonanza di uno strumento che è possibile suonare alzando le braccia verso il cielo, un pendolo con un plettro di plexiglass sfiora le corde di luce generando una melodia.

Pietro Pirelli Gianpietro Grossi, Arpa di luce

108 sono i carillon dell’artista coreana Heewon Lee, ad ogni nota musicale corrisponde un carattere che compone frasi su uno schermo, lettere che galleggiano su un fondo blu come il mare e ci parlano del tema dei bambini abbandonati o orfani; contaminazione tra video, installazioni e suono.

Veaceslav Druta, Balançoire

Le Damassama della francese Leonore Mercier è formata da cerchi di campane tibetane che grazie a dei sensori trasforma ogni visitatore in un direttore d’orchestra. Métier à tisser musical di Kinglsey NG è un antico telaio da cui scaturiscono suoni e luci moderne. Un precedente famoso è rintracciabile nelle sperimentazioni futuriste, come l’Intonarumori di Russolo, animato ogni volta dall’improvvisazione della performance.

Lèonore Mercier, Lee Damassama

Prossimamente tra gli eventi del festival, Afropolitan, contaminazioni culturali e musicali: 30 ottobre h. 21 live dell’artista belga/congolese Baloji, mix di rap, hip hop, raeggae, rumba e soul anni Sessanta; 31 ottobre h. 21 Swamimillion aka LV & Fawda Trio, viaggio tra Inghilterra e Marocco, mescolanza di gnawa, jazz, hip hop e dance e 1 novembre h. 21 OY, duo formato da voce e batteria.

Informazioni:
Sede: Roma, La Pelanda Macro
Piazza Orazio Giustiniani 4 (Testaccio)
Orari: da martedì a domenica: 16 – 22
Biglietti: 7 €
Informazioni, prenotazioni e acquisto biglietti:
06 45553050 – email: promozione@romaeuropa.net

Antonella Cecconi

Viaggi-cultura dipendente. Amo raccontare luoghi, gente, arte e culture. Innamorata dell'orizzonte non potrei vivere senza nuove destinazioni, arte, mare e libri, la mia porta per l'altrove. I regali più graditi: un viaggio o un libro. Segni distintivi: un biglietto in tasca e una valigia accanto al letto, all'interno almeno un libro. eventi@antonellacecconi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.