Venezia 79. Don’t Worry Darling, un thriller fantasy

Venezia 79. Don’t Worry Darling, un thriller fantasy

Il film di Olivia Wilde sul prezzo del lusso, da oggi al cinema.

Don't Worry Darling - Florence Pugh and Harry Styles - Credits Courtesy of Warner Bros. Pictures
Don’t Worry Darling – Florence Pugh and Harry Styles – Credits Courtesy of Warner Bros. Pictures

L’ex voce degli One Direction, Harry Styles, oggi è protagonista del thriller fantasy, distopico e psicologico, Don’t worry darling, diretto dalla sua compagna Olivia Wilde e presentato fuori concorso a Venezia.
Alice (Florence Pugh) e Jack (Harry Styles) hanno la fortuna di vivere a Victory, una città ideale, realizzata da un’azienda sperimentale. Questa ospita le famiglie degli uomini che vanno a lavorare ogni giorno su macchine luccicanti per un progetto top-secret Victory. Un’adesione e una fede anima ogni aspetto della vita quotidiana di questo luogo utopico nel mezzo del deserto. Dove ci si muove solo con un tram fino ai party anti-noia, intrisi di musica e alcol, organizzati per intrattenere i residenti.

Don't Worry Darling - Harry Styles and Florence Pugh
Don’t Worry Darling – Harry Styles and Florence Pugh

Una cittadina e uno stile di vita difeso a ogni costo dall’amministratore delegato Frank (Chris Pine), a metà tra un dirigente visionario e un life coach motivazionale. Mentre i mariti sono ogni giorno al lavoro nel quartier generale del Victory Project per lo “sviluppo di materiali innovativi” misteriosi, le loro mogli – inclusa l’elegante compagna di Frank, Shelley (Gemma Chan) – trascorrono il loro tempo a godere la bellezza di ciò che la comunità lussuosa offre loro.

Don't Worry Darling - Actress Florence Pugh Credits Merrick Morton
Don’t Worry Darling – Actress Florence Pugh Credits Merrick Morton

Una vita che appare perfetta, idilliaca a tinte color pastello. Ogni esigenza dei residenti di Victory viene esaudita dall’azienda. Famiglie stile “telefoni bianchi” con mogli-casalinghe in attesa del ritorno dal lavoro del marito. Gli sceneggiatori si sono ispirati a delle vecchie pubblicità anni Cinquanta, in cui il ruolo delle donne in casa sempre sorridenti era piuttosto agghiacciante.

Don't Worry Darling - Florence Pugh and Olivia Wilde Credits Merrick Morton
Don’t Worry Darling – Florence Pugh and Olivia Wilde Credits Merrick Morton

Quello che viene chiesto in cambio è soltanto discrezione e dedizione incondizionata al progetto Victory.
Iniziano però ad apparire delle crepe nella situazione idilliaca facendo intuire che sotto le apparenze si nasconde qualcosa di sinistro e temibile. Alice inizia a chiedersi, e a chiedere, cosa stiano facendo alla Victory e perché. Quanto sarà disposta a perdere Alice per raggiungere la verità?
Un thriller ad ansia crescente che si avvale delle interpretazioni di Florence Pugh e Harry Styles.

Don't Worry Darling - Harry Styles Florence Pugh and Olivia Wilde Credits Courtesy of Warner Bros. Pictures
Don’t Worry Darling – Harry Styles Florence Pugh and Olivia Wilde Credits Courtesy of Warner Bros. Pictures

La regista-produttrice-interprete Olivia Wilde: “Immaginate una vita in cui avete tutto ciò che avreste sempre voluto. E non solo le cose materiali o tangibili, come una bella casa, macchine meravigliose, cibo delizioso, feste infinite… ma le cose che contano davvero. Come il vero amore con il partner perfetto, gli amici migliori e un futuro sicuro. Sareste disposti a rinunciare a tutto questo? Cosa sacrifichereste in nome di ciò che è giusto? Sareste disposti a mandare all’aria tutto un sistema progettato per soddisfare ogni vostro bisogno? E se la vostra unica scelta fosse davvero nessuna scelta? Questo è il mondo, e l’interrogativo, di Don’t Worry Darling“.

Photocall - Director Olivia Wilde Credits La Biennale di Venezia - Foto ASAC ph Giorgio Zucchiatti
Photocall – Director Olivia Wilde Credits La Biennale di Venezia – Foto ASAC ph Giorgio Zucchiatti

Malgrado la storia è ambientata negli anni Cinquanta sembra parlare del presente: “È una storia senza tempo parla del controllo del corpo di qualcuno tanto da richiedere una lotta che porterà a riflessioni e farsi delle domande sul ruolo delle istituzioni”.

Press Conference - Don't Worry Darling - Actress Gemma Chan Credits La Biennale di Venezia - Foto ASAC ph Andrea Avezz
Press Conference – Don’t Worry Darling – Actress Gemma Chan Credits La Biennale di Venezia – Foto ASAC ph Andrea Avezz

Con Don’t Worry Darling Olivia Wilde è alla sua seconda regia di un lungometraggio. Ha dichiarato di aver tratto ispirazione per questa pellicola da film come Attrazione fatale (1987) e Proposta indecente (1993), ma con uno sguardo dal punto di vista femminile. Olivia Wilde è un’attrice bella e famosa ma anche un’attivista per i diritti delle donne e una sostenitrice della causa ambientalista che l’ha indotta ad essere vegana.

Red Carpet - Don't Worry Darling - Actor Harry Styles Credits La Biennale di Venezia - Foto ASAC ph Giorgio Zucchiatti
Red Carpet – Don’t Worry Darling – Actor Harry Styles Credits La Biennale di Venezia – Foto ASAC ph Giorgio Zucchiatti

Questo film, sebbene più ambizioso nel suo voler trattare dibattiti culturali attuali, è meno spigliato e riuscito di quello del suo esordio (La rivincita delle sfigate, 2019). Se questa fabbrica delle mogli perfette all’inizio attira l’attenzione dello spettatore, teso a conoscere cosa si nasconde dietro al misterioso progetto, dopo Alice la ribelle è meno coinvolgente e non riesce a diventare l’eroina delle spettatrici. Così come il thriller non trova una brillante soluzione.

Don’t Worry Darling – Voto: 6,5 (max 10)

Informazioni

Biennale Cinema 2022

Warner Bros

Antonella Cecconi

Viaggi-cultura dipendente. Amo raccontare luoghi, gente, arte e culture. Innamorata dell'orizzonte non potrei vivere senza nuove destinazioni, arte, mare e libri, la mia porta per l'altrove. I regali più graditi: un viaggio o un libro. Segni distintivi: un biglietto in tasca e una valigia accanto al letto, all'interno almeno un libro. eventi@antonellacecconi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.