Ristoranti d’Italia 2017 del Gambero Rosso

Presentata a Roma la 27ma edizione di Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso: 2420 indirizzi (300 nuovi) in 704 pagine con utili cartine regionali. Il caloroso intervento di Massimo Bottura sull’importanza della cultura e del cibo per tutti.

Un libro utile ai buongustai, ai viaggiatori, agli intenditori o semplici curiosi. Tre nuove eccellenze della ristorazione italiana sono entrate a far parte della squadra dei migliori ristoranti italiani, le Tre Forchette (n. 29 nel 2017). Il libro esplora e recensisce l’enogastronomia nazionale a tutto campo: trattorie, wine bar, birrerie, etnici e ora anche bistrot (locali più informali con nuove proposte nei menu) premiati con le Tre Cocotte. Tra le proposte più interessanti i ristoranti (21 premiati) con il miglior rapporto qualità/prezzo. Il premio alla novità dell’anno è andato al D’O di Davide Oldani. La migliore cucina d’autore (con punteggio 57/60) resta quella, celebrata come la migliore del mondo, di Massimo Bottura, che è intervenuto alla presentazione con un forte richiamo etico in un contesto epicureo.

Cuccia e Bottura, Gambero

Paolo Cuccia e Massimo Bottura

Il testo del Gambero Rosso si distingue anche per attenzione e valutazioni (non sempre presenti nelle altre guide): il servizio in sala (che sempre di più farà la differenza nell’apprezzamento dei clienti), il miglior pane e il miglior pasticcere. Non ultimo per importanza, il gusto abbinato alla salute, sempre più rilevante a tavola, perché in fondo ‘siamo ciò che mangiamo’. Per questo il richiamo a un maggior consumo di verdure, soprattutto biologiche.

Cedroni

Premiazione Madonnina del Pescatore, Senigallia

Massimo Bottura (Osteria Francescana) – in partenza per Food on the Edge (Galway), simposio sul futuro del cibo (ovvero il modo sostenibile ed etico di produrre cibo per tutti) – con le sue parole, musica per le orecchie, ha riscaldato le anime in sala: “L’ingrediente più importante del cuoco del futuro sarà la cultura, perché è solo la cultura a generare conoscenza e quindi senso di responsabilità. Come accadeva nelle botteghe rinascimentali dobbiamo fare formazione. Importante è valorizzare l’agricoltura e preparare il nuovo turismo, quello gastronomico. Ma soprattutto dobbiamo coinvolgere un altro settore che è quello sociale. A Modena sfruttiamo la mia immagine per raccogliere fondi per i nostri Refettori contro lo spreco alimentare e promuovere un uso consapevole del cibo. Usiamo la nostra conoscenza per trasmetterla ai volontari che fanno da mangiare a chi non ha niente perché dopo aver ricevuto tanto è il momento di restituire. Vogliamo rendere visibile l’invisibile”.

Massimo Bottura ed Ernesto Iaccarino

Massimo Bottura ed Ernesto Iaccarino

Ernesto Iaccarino (Don Alfonso 1890) ha continuato: “La popolazione mondiale sta aumentando e dobbiamo nutrirla tutta, dobbiamo iniziare a essere più vegetariani. Mangiare più verdure prodotte in modo sano”. Maurizio Rossi (Osteria della Villetta di Palazzolo sull’Oglio) ha raccontato la sua esperienza: “Abbiamo promosso per la pasticceria la formazione di una cooperativa di donne straniere. Collaboriamo con le scuole elementari per l’educazione alimentare, facciano formazione culturale insieme all’artista Michelangelo Pistoletto e collaboriamo al progetto di integrazione culturale”.

Cuccia Gambero

Paolo Cuccia e alcuni Chef premiati

Infine Paolo Cuccia (presidente della Gambero Rosso S.p.A.) ha richiamato l’attenzione sulle tre ‘C’ (“cultura, conoscenza e coscienza”) inserendone una quarta: “contemporaneità” perché “la cucina, come l’arte, è contemporanea”. Il prossimo importante appuntamento per la nostra cucina è con la prima Settimana della cucina italiana nel mondo (21-27 novembre), realizzata, “a zero euro”, con la partecipazione di tutte le ambasciate e un programma con oltre tremila eventi.

TRE FORCHETTE

95 PUNTI
– Osteria Francescana – Modena
– La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri – Roma

94 PUNTI
– Villa Crespi – Orta San Giulio (NO)
– Don Alfonso 1890 – Sant’Agata sui Due Golfi (NA)

93 PUNTI
– La Torre del Saracino – Vico Equense (NA)

92 PUNTI
– Piazza Duomo – Alba (CN)
– Dal Pescatore – Canneto sull’Oglio (MN)
– Seta del Mandarin Oriental Milano – Milano
– Le Calandre – Rubano (PD)
– Laite – Sappada (BL)
– St. Hubertus dell’Hotel Rosa Alpina – San Cassiano/Sankt Kassian (BZ)
– Lorenzo – Forte dei Marmi (LU)
– Uliassi – Senigallia (AN)
– Reale – Castel di Sangro (AQ)
– Enoteca Pinchiorri – Firenze
– La Madonnina del Pescatore – Senigallia (AN)
– Casa Vissani – Baschi (TR)
– La Trota – Rivodutri (RI)
– Taverna Estia – Brusciano (NA)
– La Madia – Licata (AG)

91 PUNTI
– Da Vittorio – Brusaporto (BG)
– Ilario Vinciguerra Restaurant – Gallarate (VA)
– Berton – Milano
– La Siriola dell’Hotel Ciasa Salares  – San Cassiano/Sankt Kassian (BZ)

90 PUNTI
– Romano – Viareggio (LU)
– Le Colline Ciociare – Acuto (FR)
– Pascucci al Porticciolo – Fiumicino (RM)
– Quattro Passi – Massa Lubrense (NA)
– S’Apposentu di Casa Puddu – Siddi (VS)

TRE GAMBERI

– Consorzio – Torino
– La Brinca – Ne (GE)
– La Madia – Brione (BS)
– Caffè La Crepa – Isola Dovarese (CR)
– Osteria del Treno – Milano
– Osteria della Villetta –  Palazzolo sull’Oglio (BS)
– Pretzhof – Val di Vizze (BZ)
– Ai Cacciatori – Cavasso Nuovo (PN)
– All’Osteria Bottega – Bologna
– Antica Osteria del Mirasole con Locanda – San Giovanni in Persiceto (BO)
– Il Capanno – Spoleto (BO)
– Sora Maria e Arcangelo – Olevano Romano (RM)
– Vecchia Marina – Roseto degli Abruzzi (TE)
– Angiolina – Pisciotta (SA)
– Antichi Sapori – Andria (BT)
– La Locandiera – Bernalda (MT)
– Tischi Toschi – Taormina (ME)

TRE BOTTIGLIE

– Le Case della Saracca – Monforte d’Alba (CN)
– Al Donizetti – Bergamo
– Damini Macelleria & Affini – Arzignano (VI)
– La Baita – Faenza (RA)
– Enoteca Marcucci – Pietrasanta (LU)
– Oste della Mal’Ora – Terni
– Del Gatto – Anzio (RM)
– Roscioli – Roma
– Trimani – Roma
– Le Giare dell’Hotel Rondò – Bari

MIGLIOR QUALITA’/PREZZO

– La Clusaz – Gignod (AO)
– Da Fausto – Cavatore (AL)
– La Coccinella – Serravalle Langhe (CN)
– D’O – Cornaredo (MI) – LA NOVITA’ DELL’ANNO
– La Piazzetta – Montevecchia (LC)
– Hidalgo – Postal/Burgstall (BZ)
– La Torre – Spilimbergo (PN)
– Vite – Coriano (RN)
– Quel Fantastico Giovedì – Ferrara
– Mocajo – Guardistallo (PI)
– Il Tiglio – Montemonaco (AP)
– L’Officina – Perugia
– Satricvm – Latina
– Zunica 1880 – Civitella del Tronto (TE)
– L’Elfo – Capracotta (IS)
– Il Papavero – Eboli (SA)
– Megaron – Paternopoli (AV)
– Il Foro dei Baroni – Puglianello (BN)
– La Bul – Bari
– La Strega – Palagianello (TA)
– La Locanda dei Buoni e dei Cattivi – Cagliari

TRE BOCCALI
– Casa Baladin – Piozzo [CN]
– Open Baladin – Roma

TRE MAPPAMONDI
– Iyo – Milano
– Wicky’s Wicuisine Seafood – Milano

TRE COCOTTE
– Donatella Bistrot – Oviglio (AL)
– Lanzani Bottega & Bistrot – Brescia

IL BISTROT DELL’ANNO
– Al Carroponte – Bergamo

MIGLIOR SERVIZIO DI SALA
– La Ciau del Tornavento – Treiso (CN)

MIGLIOR PANE IN TAVOLA
– Da Caino – Montemerano (GR)

MIGLIOR SERVIZIO DI SALA IN ALBERGO
– La Stua de Michil dell’Hotel La Perla – Corvara in Badia (BZ)

IL PASTRY CHEF DELL’ANNO
– Andrea Tortora – St. Hubertus dell’Hotel Rosa Alpina – San Cassiano (BZ)

IL RISTORANTE DELL’ANNO
– Peppino Tinari – Villa Maiella – Guardiagrele (CH)

PREMIO GAMBERO ROSSO E FRANCIACORTA ANIMANTE BARONE PIZZINI
Gusto&salute “Quando la sostenibilità è forma e sostanza. Valorizzazione del territorio e dei suoi prodotti attraverso una cucina naturale e sana, nel pieno rispetto della terra, dell’ambiente e dell’uomo”
– La Grande Limonaia del Lefay Resort – Gargnano (BS)
– Le Regard de La Réserve – Caramanico Terme (PE)
– Il Nerello del relais Monaci delle Terre Nere – Zafferana Etnea (CT)

CUOCO EMERGENTE 2017
– Martina Caruso – Signum – Salina (ME)

PREMIO GAMBERO ROSSO E IBEER
Ristorante con la migliore proposta di abbinamento cibo/birra
– Il Granchio – Terracina (LT)

PREMIO GAMBERO ROSSO E SELLA&MOSCA – I 10 migliori menu di pesce dell’anno
– Ma. Ri. Na. – Olgiate Olona (VA)
– Antica Osteria da Cera – Campagna Lupia (VE)
– Margherita – Mira (VE)
– Lorenzo – Forte dei Marmi (LU)
– La Pineta – Bibbona (LI)
– Romano – Viareggio (LU)
– Pascucci al Porticciolo – Fiumicino (RM)
– La Rosetta – Roma
– Da Tuccino – Polignano a Mare (BA)
– Rada Restaurant – Positano (NA)

La Guida (pp. 704) si trova in edicola e in libreria, prezzo 22 euro.

Sito: www.gamberorosso.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.