TRASH di Stephen Daldry. IX Festival Internazionale del Film di Roma

TRASH di Stephen Daldry. IX Festival Internazionale del Film di Roma

Premio del pubblico (Gala) a Trash di Stephen Daldry. RomaFF9

Il pubblico del Festival Internazionale del Film di Roma ha assegnato il premio per la seziona Gala – ampiamente condiviso dalla scrivente – a Trash di Stephen Daldry, regista già candidato all’Oscar per Bill Elliot (2000) e approdato al cinema dopo aver diretto il Royal Court Theatre di Londra e aver lavorato alla BBC.

locandina, particolare

La location di Trash (spazzatura) è una coloratissima e infinita discarica brasiliana dove i bambini delle favelas passano le loro giornate a rovistare nell’immondizia nel tentativo di trovare qualcosa di riciclabile. La vita di Rafael, Gardo e Rato è sconvolta dal ritrovamento di un portafoglio. Da quell’istante inizia l’avventura alla scoperta dei segreti del proprietario del conteso ritrovamento, l’ansiogena selezione tra amici e nemici, e le peripezie per scappare dalla polizia corrotta.

Rooney Mara
Rooney Mara

Da quell’istante lo spettatore è, insieme ai tre audaci, tuffato nelle contraddizioni di Rio, immerso nella discarica, disgustato dai politici e dai loro loschi affari. All’improvviso dei bambini miserabili e un luogo nauseabondo diventano importanti per i potenti; favelas e grattacieli si toccano. La sceneggiatura impeccabile di Richard Curtis (Notting Hill e Bridget Jones) riesce ad accostare: politica, favelas, discarica e corruzione, legandole con un denominatore comune. Daldry alza il tiro e universalizza la storia, si passa dalla sporcizia fisica a quella morale, e la seconda è peggiore.

Un film politically correct, l’altra ‘faccia della luna’ dei mondiali di calcio, ben girato, con un ritmo serrato e ben interpretato. I “meninos de rua” (i bambini di strada), protagonisti del film, hanno raccontato come senza questo film non avrebbero mai potuto vedere il Colosseo. L’uscita nelle sale cinematografiche è prevista per il 27 novembre.

Pagina Facebook di Trash

Antonella Cecconi

Viaggi-cultura dipendente. Amo raccontare luoghi, gente, arte e culture. Innamorata dell'orizzonte non potrei vivere senza nuove destinazioni, arte, mare e libri, la mia porta per l'altrove. I regali più graditi: un viaggio o un libro. Segni distintivi: un biglietto in tasca e una valigia accanto al letto, all'interno almeno un libro. eventi@antonellacecconi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.