Una Fiorella Mannoia spumeggiante incanta l’Auditorium

Fiorella Mannoia è in tour per presentare il suo doppio disco “Fiorella” con cui festeggia i suoi 60 anni (pieni di fascino) e celebra i suoi 46 anni di carriera. Un’antologia di brani emozionali che la cantante ha presentato, giovedì 23 tappa romana del tour, all’Auditorium Parco della Musica (per “Luglio suona bene 2015”) e con cui ha coinvolto, con la sua energia, le diverse generazioni di pubblico che hanno riempito la Cavea.

P1030644

 

P1030616

La sua voce inconfondibile ha rivitalizzato, con una cascata di emozioni, i ricordi dei presenti che hanno cantato a tutta voce parti intere dei brani musicali. Un’antologia della canzone d’autore, con una cifra spesso maschile, interpretata da Fiorella con sensibilità e passione.

P1030609

Il viaggio musicale è stato cronologico: ‘Un bimbo sul leone’ di Celentano (Castrocaro del 1968), ‘Come si cambia’, ‘Amore bello’ di Claudio Baglioni, ‘Quello che le donne non dicono’ di Enrico Ruggieri e il pubblico è suo. Con la sua grinta e i suoi discorsi diretti dà la sensazione che sul palco ci sia un’amica e poi quando canta ipnotizza.

P1030641

La poesia continua con ‘Le notti di maggio’ di Fossati, poi De Gregori e ‘Boogie’ di Paolo Conte, un crescendo che culmina con una sua canzone: ‘In viaggio’. Perché dopo tanti autori tre anni fa Fiorella ha iniziato a scrivere canzoni sull’impulso di un libro che le ha fatto scoprire la realtà del Sud. Una realtà con cui è bene confrontarsi presto, prima che i suoi problemi da urgenze diventino emergenze o catastrofi irrisolvibili. Perché il Sud è un concetto che non ha latitudine e longitudine, il sud esiste ovunque e il Sud del mondo è l’Africa. Non è comunque mai troppo tardi per fare un disco che comprendesse tutto il Sud e Fiorella l’ha fatto. Grazie anche alla collaborazione di musicisti senegalesi a cui ha chiesto insistentemente cosa provavano le loro madri a vedere i propri figli partire. ‘In viaggio’ racconta tutte le raccomandazioni che una madre può fare a una figlia che sta per lasciare il proprio paese: “Domani partirai e io non ti posso accompagnare. Domani non ti voltare”. Forse perché sua, forse perché nasce da dentro, è stata la sua migliore interpretazione che ha commosso tutti. E forse è servita a fare qualche riflessione in più.
La nostra Rossa vocalist ha continuato a sventagliare tutte le sfumature della sua voce con ‘La casa in riva al mare’ di Lucio Dalla, ‘Via con me’ di Paolo Conte e l’insuperabile ‘Il cielo d’Irlanda’ che solo chi c’è stato sa che non è poesia ma una fotografia in musica della magnifica Irlanda. La Cavea riscaldata dalla sua voce, non più dal clima,
ha ringraziato con i suoi applausi.

P1030607

Commenti

    1. Antonella Cecconi

      Felice che tu abbia apprezzato la recensione ma il merito è stato della Mannoia, la sua è un’età solo anagrafica… Ha l’energia, la passione e una voce da ragazza ma la tempra di una donna impegnata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.