Data Meditation al MAXXI, come far parte di un’opera d’arte collettiva. Un evento che guarda al futuro

Data Meditation al MAXXI, come far parte di un’opera d’arte collettiva. Un evento che guarda al futuro

In occasione di #All4Climate-Italy 2021 – una iniziativa patrocinata dal Ministero della Transizione Ecologica – il MAXXI ha promosso il progetto “DataMeditation. Una meditazione per l’Ambiente”, inserito nell’ambito della più ampia ricerca del MAXXI su Arte, Tecnologie e Dati.

Una Meditazione per l'Ambiente
Una Meditazione per l’Ambiente

Per me è iniziato tutto con la convocazione del 15 ottobre: “sei stat* selezionat* per partecipare alla prima DataMeditation – Una meditazione per l’Ambiente, organizzata dal Nuovo Abitare e MAXXI nell’ambito dell’iniziativa #All4Climate“. Una call a cui hanno risposto oltre 200 persone di tutte le età e con differenti background, interessi e ragioni per partecipare. Ci siamo incontrati ieri e più differenti e di varia provenienza di così non potevamo essere. Diverse età, molti in viaggio da diverse città d’Italia ma tutti accomunati dalla “meraviglia” della Data Meditation per l’ambiente e dal desiderare un Nuovo Abitare.

Data Meditation al MAXXI
Data Meditation al MAXXI

Dopo una videocall introduttiva ci siamo collegati – dal 23 al 29 ottobre – tutte le sere in una meditazione serale (15 minuti al giorno). Dopo aver generato durante la giornata dati e riflessioni sull’ambiente. Ho registrato dove mi trovavo, cosa stavo facendo, quale era il mio rapporto con l’ambiente in quel preciso momento e il mio livello di comfort o discomfort. Uno dei momenti più creativi è stato il “messaggio nella bottiglia” da inviare al proprio io futuro e al mio Altr*. Durante la meditazione era possibile ascoltare i suoni prodotti da un Altr*, anonimo e casualmente abbinato al proprio nominativo, e leggere il flusso dei suoi pensieri.

Logo dell'Associazione Nuovo Abitare
Logo dell’Associazione Nuovo Abitare

Il tutto attraverso un’applicazione che non catturava i nostri dati ma lavorava con soggetti anonimi e produceva dati.

Data Meditation è un Rituale del Nuovo Abitare, una cosmologia nuova, dove gli esseri umani sono parte di una rete dinamica di umani e non umani. Il progetto è stato ideato dagli artisti Salvatore Iaconesi e Oriana Persico che hanno voluto sperimentare un’inedita modalità di interazione tra soggetti e dati.

Schermata di meditazione
Schermata di meditazione

Una pratica di meditazione attraverso le tecnologie. I partecipanti hanno generato, attraverso una web app (accessibile da pc e cellulare), dati in una nuova modalità autobiografica e di accesso all’esperienza di Altri. Questa meditazione per l’Ambiente è stata la simbiosi tra la pratica della meditazione e le scienze computazionali. Lo scopo era indagare il rapporto che, come individui e società, abbiamo con habitat ed ecosistemi. Tutto questo per riflettere, meditare, su temi come l’emergenza ambientale e il cambiamento climatico.

Sala Carlo Scarpa del MAXXI durante la presentazione dei risultati della meditazione
Sala Carlo Scarpa del MAXXI durante la presentazione dei risultati della meditazione

Produciamo, e consumiamo, dati in continuazione, i dati fanno parte della nostra vita e ci cambiano. Non è possibile ignorare il rapporto che, come persone e società, abbiamo quotidianamente con computazione e tecnologie. In questa nuova esperienza data-meditativa ogni partecipante ha generato dati, in forma totalmente anonima, per esplorare la relazione fra sé stesso, la società e l’ambiente, oltre che fra sè stesso e l’Altr* (sempre anonimo) a cui era abbinato. Le coppie sono state generate in modo casuale.

Team Data Meditation
Team Data Meditation

Questi dati erano visualizzati attraverso una banda verticale pulsante e sonorizzati con rumori ambientali per essere tradotti in un’esperienza sensoriale indirizzata alla conoscenza e all’empatia. Un rituale che è consistito in una forma di autoriflessione e autorappresentazione per acquisire una maggiore consapevolezza sul proprio rapporto con l’ambiente. Un esercizio quotidiano per imparare a sentire, a sentire l’Altr*, attraverso i dati generati. Abbiamo percepito i dati attraverso i nostri sensi. L’Altr* sconosciuto era sempre presente attraverso i dati che aveva generato.

Oriana Persico e Salvatore Iaconesi
Oriana Persico e Salvatore Iaconesi

L’esperienza della Data Meditation si è conclusa, ieri in presenza, al MAXXI, con una pratica di meditazione collettiva a cui hanno avuto accesso i partecipanti che avevano data-meditato da remoto. L’esperienza di ritrovarci tutti in presenza, invece che in assemblea da remoto, è stata una “meraviglia”! Tutti noi data-meditanti abbiamo potuto rivedere i dati generati durante la settimana, una informazione visiva e sonora completa. Poi attivando un pulsante abbiamo potuto riconoscere, e conoscere, l’Altr*, presenza fantasmatica a cui eravamo abbinati e scambiare doni simbolici e artistici. Si è trattato di un momento carico di gioia ed empatia.

Rappresentazione grafica delle meditazioni
Rappresentazione grafica delle meditazioni

Durante questo viaggio, apparentemente in solitaria, Salvatore e Oriana, con il loro team, sono stati (a volte in background a volte in collegamento) sempre premurosamente presenti. Ieri tutti insieme – artisti, team, curatori e partecipanti – abbiamo visto come tutti i dati generati, aggregati e anonimi sono diventati un artefatto artistico: una Torah di dati scaturiti dalla meditazione, da srotolare, leggere, osservare e su cui riflettere e meditare.

Presentazione della Torah dei data-meditanti
Presentazione della Torah dei data-meditanti

La narrazione collettiva che è emersa è ora fruibile in un’installazione ospitata dal MAXXI. Un’opera d’arte generativa che trasforma in immagine l’informazione digitale. Il manufatto analogico che Salvatore e Oriana hanno creato è il diorama dal quale verranno indagati nuovi paesaggi. Il clima di reciprocità, simpatia e affettuosità è stato unico, caloroso e speciale. Ognuno, quale soggetto di quest’opera d’arte, ha firmato la Torah e il catalogo. Il tutto è stato infine festeggiato con un aperitivo di tutti i partecipanti.

La Torah, grafico delle meditazioni
La Torah, grafico delle meditazioni

Grazie a Salvatore e Oriana per averci fatto riflettere (niente sarà più come prima) e averci trasformato in un’opera d’arte collettiva in cui arte, ricerca, innovazione tecnologica e sociale sono andate all’unisono. I dati hanno unito persone diverse, anziché dividere. Come ha dichiarato Salvatore Iaconesi in un’intervista: “Questo possibile cambio di direzione dall’utor (l’utilizzatore di dati) al fruor (il fruitore dei dati, ovvero chi ne può beneficiare godendo) non si attua immaginando prodotti e servizi, ma nuove sensibilità e sensualità. E nuovi rituali attorno a cui riunirsi per autorappresentarci e decidere cosa fare.”
Abbiamo bisogno di una nuova immaginazione sociale per fondare un’etica laica e ideare un futuro diverso e migliore. Per questo sono necessari: la cultura, gli artisti, i ricercatori e le istituzioni disposti a ripensarsi e a mettersi in gioco. Che la rivoluzione artistica abbia inzio!

Informazioni

DataMeditation #All4Climate – La mostra al MAXXI

L’ingresso è gratuito SABATO 6 E DOMENICA 7 novembre AL MUSEO! Info e orari qui: https://www.maxxi.art/events/datameditation/

Antonella Cecconi

Viaggi-cultura dipendente. Amo raccontare luoghi, gente, arte e culture. Innamorata dell'orizzonte non potrei vivere senza nuove destinazioni, arte, mare e libri, la mia porta per l'altrove. I regali più graditi: un viaggio o un libro. Segni distintivi: un biglietto in tasca e una valigia accanto al letto, all'interno almeno un libro. eventi@antonellacecconi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.