Giorgio Poeta, un mondo a strisce gialle e nere