House of Gucci, la saga del potere e dei tradimenti

House of Gucci, la saga del potere e dei tradimenti

Il film di Ridley Scott sul mondo della moda dal oggi al cinema. “Il potere logora chi non ce l’ha”…

Le saghe familiari sono molto gradite al grande pubblico, anche quando non rivelano gran che, figuriamoci se raccontano, come in questo caso: scandali, tradimenti, un omicidio, la scalata e la caduta di una ricca famiglia del mondo nel mondo della moda. Una famiglia della Milano da Bere, fashion e covo di intrighi. Ma House of Gucci, ispirato alla storia vera della famiglia dell’alta moda italiana, non è soltanto un film da record ai botteghini, ha un regista come Ridley Scott (Alien, Blade Runner, Il Gladiatore, Thelma & Louise) e un cast da premi Oscar® per raccontare il potere e la sua scalata attraverso i suoi ingredienti: avidità, manipolazioni, tradimenti e mancanza di scrupoli.

House of Gucci - Lady Gaga Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved
Lady Gaga Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved

Il film è stato girato in Italia in circa un mese e mezzo, con restrizioni Covid e il carburante della storia è la sete di potere e di vendetta, per averlo perso.
In tutto il mondo il brand Gucci è riconosciuto e famoso, sinonimo di moda e successo. Alla fine degli anni Settanta il celebre impero della moda italiana attraversa una fase critica. Ampliando il raggio d’azione globale emergono, nel tempo, le presunte irregolarità finanziarie della famiglia Gucci.
Il business è controllato dai due figli di Guccio Gucci (il fondatore): il simpatico e furbo Aldo (il premio Oscar® Al Pacino) e suo fratello, il conservatore e distaccato Rodolfo (il premio Oscar® Jeremy Irons).

Lady Gaga, A.Driver Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved
Lady Gaga, A.Driver Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved

Aldo non cederebbe per nulla al mondo il controllo dell’azienda di famiglia. Tanto meno al suo stralunato figlio Paolo (il quasi irriconoscibile premio Oscar® Jared Leto), che vorrebbe diventare uno stilista.
Mentre il cugino di quest’ultimo, Maurizio (il candidato all’Oscar® Adam Driver), timido e protetto figlio di Rodolfo studia legge e non sembra interessato a condurre un impero internazionale della moda. La sua vita cambia quando incontra e s’innamora della procace quanto ambiziosa Patrizia Reggiani (la candidata all’Oscar® Lady Gaga). Nonostante il padre, che considera Patrizia un’arrampicatrice sociale, lo disereda, Maurizio decide di sposarla. Prestate attenzione alla splendida villa di Rodolfo Gucci, le scene sono state girate a Villa Necchi a Milano, stupendo edificio liberty oggi museo visitabile.

House of Gucci - Lady Gaga, A.Driver Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved
Lady Gaga, A.Driver Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved

Questa è la parte della vita di Maurizio, che si accontenta di lavorare nella piccola ditta del suocero, con cui lo spettatore simpatizza immedesimandosi nella quotidianità di un marito e un padre che devono sbarcare, con dignità, il lunario. Patrizia era stata attratta sicuramente dal cognome e status del marito ma i pochi anni, fuori dalla famiglia Gucci, dimostrano che fosse innamorata di quell’uomo e che la molla che ha reso incontrollata la sua sete di vendetta è stata forse l’aver perso potere su di lui, piuttosto che sui i soldi che lui comunque aveva continuato a garantirle.
Al Pacino e Jeremy Irons, due navigati attori, sono impareggiabili nell’interpretazione dei due fratelli Gucci, il primo spregiudicato business man e l’altro distaccato gentiluomo chiuso nel suo passato. La colonna sonora del film (pop, arie d’opera e jazz) è glamour come il ritmo del film.

Lady Gaga Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved
Lady Gaga Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved

L’astuto zio Aldo simpatizza presto con la furba Patrizia, mossa da ben altra ambizione che quella di essere una moglie-madre qualsiasi. Insieme convincono Maurizio a riappacificarsi con il padre e a entrare in azienda. I malumori si placano e i membri della famiglia Gucci riescono per un po’ a coesistere.

Dopo aver ereditato la posizione del padre Rodolfo Maurizio acquisisce, senza scrupoli, il controllo dell’azienda. Fino a convincere Paolo a vendere le sue azioni con false promesse. Con l’aiuto del consulente finanziario Domenico De Sole (Jack Huston) comprano anche le azioni di Aldo, dopo che è uscito di prigione per evasione fiscale. I tradimenti non finiscono qui. Maurizio, dopo aver tradito la sua famiglia, tradisce anche Patrizia, stanco di una moglie manipolatrice e di diversa estrazione sociale. Inizia una relazione con un’amica d’infanzia Paola Franchi (Camille Cottin).

Lady Gaga Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved
Lady Gaga Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved

Adam Driver, nella sua compostezza, riesce a rendere tutte le sfumature e l’evoluzione del suo personaggio: dallo studente secchione, al rampollo sedotto, al magnate senza scrupoli.
Con un matrimonio a pezzi Patrizia si vede messa alla porta, nonostante il cospicuo vitalizio assicuratole dal marito, e cade in preda alla disperazione. Non accettando di perdere il potere, faticosamente conquistato, è accecata dalla sete di vendetta. Quando Maurizio chiede il divorzio, lei diventa complice di una furba sensitiva, Pina Auriemma (interpretata dalla candidata all’Oscar® Salma Hayek). Insieme cercano dei sicari per uccidere il marito.

R.Scott_Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro-Goldwyn-Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved.G_03937_RC
Ridley Scott Courtesy of Metro Goldwyn Mayer©2021 Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved.

Lady Gaga si è calata così bene nella parte da risultare convincente in ogni scena, interpretando tutte le sfaccettature di Patrizia. Si deve alla moglie di Ridley Scott, Giannina (uno dei produttori), la decisione di farne un film. Giannina aveva letto il libro con la storia dei Gucci venti anni fa (Sara Gay Forden, House of Gucci. Una storia vera di moda, avidità, crimine) e ne era rimasta colpita.

Maurizio intende rinnovare il nome e la reputazione di Gucci assumendo uno stilista americano emergente, Tom Ford (Reeve Carney). Ma è messo alle strette dagli investitori dell’azienda che, con l’aiuto del suo consigliere di fiducia De Sole, vogliono togliere il controllo dell’impero della moda dalle mani della famiglia Gucci. Maurizio Gucci venne ucciso il 27 marzo 1995. Patrizia Reggiani, arrestata dopo quasi due anni, fu condannata a 26 anni di carcere (ridotti a quasi 18 per buona condotta) come mandante e con lei furono condannati i complici e gli esecutori materiali dell’omicidio del marito. In prossimità dell’uscita del film Patrizia Reggiani (oggi settantaduenne e libera dopo aver scontato la pena) ha dichiarato: “Non sono innocente, ma nemmeno colpevole”.
La famiglia Gucci, con un comunicato che è stato pubblicato da Repubblica, ha criticato duramente il film.

Informazioni

Titolo originale: House of Gucci
Regia: Ridley Scott
Genere: Biografico/Drammatico – Produzione: Canada/Usa – Durata: 158′
Cast: Lady Gaga, Adam Driver, Al Pacino, Jeremy Irons, Jared Leto, Jack Huston, Salma Hayek, Alexia Murray, Vincent Riotta, Gaetano Bruno, Camille Cottin, Youssef Kerkour, Reeve Carney, Florence Andrews, Mehdi Nebbou, Miloud Mourad Benamara, Andrea Piedimonte
Distribuzione: Eagle Pictures
Sceneggiatura: Becky Johnston, Roberto Bentivegna, Sara Gay Forden

Tratto dal libro: Sara Gay Forden, House of Gucci. Una storia vera di moda, avidità, crimine, Garzanti

Antonella Cecconi

Viaggi-cultura dipendente. Amo raccontare luoghi, gente, arte e culture. Innamorata dell'orizzonte non potrei vivere senza nuove destinazioni, arte, mare e libri, la mia porta per l'altrove. I regali più graditi: un viaggio o un libro. Segni distintivi: un biglietto in tasca e una valigia accanto al letto, all'interno almeno un libro. eventi@antonellacecconi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.